Pellegrinaggio in Terra Santa sui monti biblici Israele e Palestina

Chi potrà salire il monte del Signore? (Sal 24).
Alla ricerca di Dio e di se stessi.

8 giorni / 7 notti

Presso i popoli antichi il monte non era solo un luogo geografico, ma la sede della divinità, il luogo dell’incontro tra Dio e la creatura.

Anche la Bibbia, dai patriarchi ai profeti fino a Gesù ci tramanda storie e vicende che hanno come protagonista la montagna. Ad esempio, il patriarca Abramo parte dal deserto del Neghev e si incammina verso il Monte Moria per sacrificare il suo unico e amato figlio Isacco.  È sul Monte Oreb che Dio incontra Mosè e consegna le dieci parole. Anche il profeta Elia va verso il monte Oreb per ritrovare Dio e se stesso. Nei vangeli leggiamo pagine che hanno come tema la montagna.

Il pellegrinaggio che proponiamo vuole aiutarti vivere la Terra Santa alla ricerca di Dio “sui monti della Bibbia”. In Galilea visiteremo due monti: a Nazareth il Monte del Precipizio, segno del rifiuto di Gesù e il Tabor luogo della trasfigurazione di Gesù prima del suo cammino verso Gerusalemme. La giornata al lago di Galilea prevede la visita a Cafarnao, il villaggio di Gesù e una sosta più prolungata sul Monte delle Beatitudini. Prima di scendere a Gerusalemme, se possibile attraverseremo la Samaria per visitare il Monte Garizim dove vi è ancora oggi una comunità di Samaritani. Cuore del pellegrinaggio è, Gerusalemme e lì daremo particolarmente risalto ad alcuni luoghi significativi per le tre grandi religioni monoteiste (ebraismo, cristianesimo, islamismo): la Spianata delle Moschee dove vi era il Tempio di Gerusalemme,  il Sion cristiano, il Monte degli Ulivi, il Golgota. Il pellegrinaggio prevede la visita a Betlemme.


Richiesta informazioni